Sulle rotte dell'immaginario

Visita il sito 'Sulle rotte dell'immaginario'
Prossimamente online...

E lucean le stelle

Centro di documentazione

Materiali multimediali

Aldo di Gennaro

 

 

 

Aldo Di Gennaro - Il Maestro, il disegno e l’avventura

 

Dopo il successo della prima tappa nel corso della scorsa edizione di Napoli COMICON, il Museo italiano del Fumetto e dell'Immagine di Lucca propone, dal 30 ottobre al 31 gennaio 2012 (prolungata fino alla fine del mese di aprile per via del grande successo), nella sue sede di Piazza San Romano 4, l'ampia esposizione monografica dedicata a uno dei maestri della Nona Arte, Aldo Di Gennaro.  

Classe 1938, Di Gennaro è una matita storica delle "nuvole parlanti" e dell'Illustrazione italiane. Dopo i primi fumetti, nella seconda metà degli anni Cinquanta, realizzati per lo Studio Dami, inizia a collaborare con il Corriere dei Piccoli. Con Mino Milani firma nel 1974 il serial fanta-esoterico Il Maestro sul Corriere dei Ragazzi. In seguito si dedica quasi esclusivamente all'illustrazione per varie testate della Rizzoli e per la Collana Almanacchi della Sergio Bonelli Editore. In decenni di carriera viene insignito di prestigiosi riconoscimenti: Premio Montereggio per la Copertina dell'anno (1985), Premio "Caran D'Ache" come Migliore illustratore (1996, Roma), Targa A un Maestro del Fumetto e dell'Illustrazione (2001, Lucca), Premio "Fumo di China" (2002), Premio Anafi (2002). 

Come scrive il direttore del MUF Angelo Nencetti in uno degli interventi presenti sul catalogo Aldo Di Gennaro - Il Maestro, il disegno e l’avventura, pubblicato da Napoli COMICON in occasione dell'esposizione, l'autore milanese "ha realizzato splendide immagini disegnate nelle quali ha trasfuso le immagini memorizzate dei grandi autori che lo hanno preceduto, di quel 'bosco incantato dell’Illustrazione statunitense', mixandole alle immagini memorizzate, di suo unico patrimonio visivo, nei continui viaggi nel bosco". Sempre sul catalogo, Luca Boschi, direttore culturale di Napoli COMICON, sottolinea poi come "attraverso le illustrazioni e le tavole di questo grande plasmatore di immagini" noi lettori di oggi siamo letteralmente "catapultati negli anni gloriosi in cui le migliori pubblicazioni destinate ai ragazzi italiani si impegnano a spiccare un salto di qualità".

Commovente, per evidenti motivi, infine, il pezzo introduttivo a firma di Sergio Bonelli, che ha fortemente voluto la mostra, prima al Salone di Napoli e ora al MUF di Lucca, così come il catalogo. L'intervento si intitola Come sono riuscito a catturare "la magnifica preda" e riportiamo qui si seguito l'inizio: "Dovremmo passare molto più tempo insieme, Aldo Di Gennaro e io. Ma sì, ci vediamo abbastanza spesso qui in ufficio, è vero: lui mi mostra – sempre sorprendendomi – l’ultimo dei suoi capolavori che impreziosiscono i fascicoli della nostra Collana Almanacchi, mentre una delle segretarie ci offre un caffè, in cucina, dove improvvisiamo una chiacchierata frettolosa, interrotta da qualcuno che cerca me oppure da un suo collega 'in erba' che approfitta della sua presenza per 'rubargli' qualche segreto del mestiere".

Il Museo italiano del Fumetto e dell'Immagine di Lucca e Napoli COMICON, dopo la felice esperienza dello scorso anno con L'Audace Bonelli, offrono quindi un'occasione importante per riscoprire uno degli autori che hanno fatto la storia del Fumetto in Italia.

 

La mostra fa parte del percorso del Museo Italiano del Fumetto e dell’Immagine e rispetta i seguenti orari: 10:00 – 18:00 orario continuato

Inaugurazione alla presenza dell'autore

domenica 30 ottobre ore: 11:00

 

In occasione di Lucca Comics (28 ottobre / 1 novembre), la mostra è aperta anche lunedì 1 novembre, orario 10:00 – 19:00

 

MUSEO ITALIANO DEL FUMETTO E DELL'IMMAGINE - Piazza San Romano 4, 55100 LUCCA 

 

per INFO:

MUSEO ITALIANO DEL FUMETTO E DELL'IMMAGINE DI LUCCA 

tel +39 0583 56326

 segreteria@museonazionaledelfumetto.it www.museoitalianodelfumetto.it

 

Napoli COMICON 

tel +39 081 4238127 

Antonio Iannotta – antonio@comicon.it www.comicon.it

 

Ecco alcune fotografie dall'inaugurazione della mostra: